Imparare a differenziare gli imballaggi in acciaio per avviarli correttamente al riciclo e salvaguardare il pianeta. Yes I Can è il format teatrale promosso da RICREA, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Acciaio, che racconta ai ragazzi la pratica del recupero e il riciclo degli imballaggi in acciaio e i benefici che ne conseguono.

Numerosi gli studenti che questa mattina, presso l’Istituto Superiore Statale “Piero Gobetti” hanno assistito allo spettacolo diretto e condotto da Luca Pagliari, giornalista, regista e moderno story-teller. All’evento erano presenti Marco Ferri, vicesindaco e assessore all’Ambiente del Comune di Scandiano; Arturo Bertoldi, Responsabile Educazione Ambientale del Gruppo Iren e Federico Fusari, Direttore Generale del Consorzio RICREA.

“I ragazzi di oggi, cittadini di domani, sono i primi attori della raccolta differenziata e iniziative come questa sono un’ottima occasione per spiegare loro l’importanza di separare correttamente gli imballaggi in acciaio come barattoli, scatole, scatolette, fusti, secchielli, bombolette, tappi e chiusure – spiega Federico Fusari, Direttore Generale del Consorzio RICREA –. Tutti oggetti di uso quotidiano che se raccolti e avviati a riciclo possono tornare a nuova vita senza perdere alcuna qualità, trasformandosi ad esempio in chiodi, bulloni, travi per l’edilizia, binari ferroviari o arredi urbani”.

“Ringraziamo anzitutto il Consorzio Ricrea e Iren per aver scelto il Gobetti di Scandiano per un’iniziativa educativa di questo valore – ha dichiarato il vicesindaco con delega alla sostenibilità Marco Ferri -. Si tratta infatti di un’operazione di sensibilizzazione delle fasce giovani al tema del recupero dei rifiuti che ben si colloca tra le linee di mandato della nostra amministrazione comunale, che hanno la sostenibilità ambientale tra le priorità. Riteniamo infatti che riuscire a coinvolgere i ragazzi su temi come il recupero degli imballaggi in acciaio accresca la coscienza civica collettiva e costruisca maggiore consapevolezza anche in chiave futura”.

“Ci sono tanti modi per garantire il futuro all’ambiente in cui viviamo – ha commentato Arturo Bertoldi, responsabile Eduiren -. Con i servizi che gestiamo come Iren e con le pratiche quotidiane di educazione ambientale che mettiamo in pratica con Eduiren e con esperienze come quella di questa mattina. Parole, conoscenze ed emozioni di cui ringraziamo Ricrea”.

L’approccio narrativo di Yes I Can oscilla tra il giornalismo e il teatro, con un affascinante monologo teatrale in cui Luca Pagliari suggerisce spunti di riflessione e invita a una maggiore consapevolezza e senso di responsabilità la giovane platea, affinché abbia un ruolo attivo nella tutela dell’ambiente. Le sue parole accompagnano immagini, riflessioni e testimonianze collegate alla filiera del riciclo degli imballaggi in acciaio, seguendone in maniera appassionata l’intero percorso.

La pièce è emotivamente coinvolgente, dinamica, mai retorica, originale, di facile comprensione e si dipana attraverso storie, sia divertenti che commoventi, con protagonisti i contenitori d’acciaio. Sul palcoscenico sono inoltre presenti diversi riprodotti, testimonianza concreta che ogni scatoletta o barattolo può rinascere a nuova vita.

Il tour teatrale continuerà in altre città italiane, con l’obiettivo di educare le nuove generazioni a stili di vita sostenibili e trasmettere questo perfetto esempio di economia circolare